Le microreti forniscono la soluzione ai problemi energetici di oggi

2017-10-24 - ABB fornisce energia stabile e sostenibile, in qualsiasi momento e ovunque

Gli esempi non mancano:

Una microrete consente l'autosufficienza energetica di un'isola dell'Alaska.

Le microreti hanno fornito energia sostenibile a una delle città australiane più calde e remote e a una stazione di ricerca antartica in uno dei punti più freddi della terra.

In Kenya, una microrete garantisce una fornitura elettrica affidabile a un centro della Croce Rossa Internazionale che non poteva più fare affidamento sulla rete elettrica della terraferma; un'altra ha catturato l'energia eolica per un villaggio remoto che non aveva mai avuto la possibilità di connettersi a una rete centrale.

Si tratti di tenere accese le luci, o addirittura di accenderle per la prima volta, la tecnologia delle microreti ABB fornisce energia stabile e sostenibile sotto forma di sistemi stand-alone o di alternative di back-up alle reti centrali di utility. E sebbene l'installazione su Robben Island in Sud Africa sia il più recente dei progetti dell'azienda, questa rappresenta una delle quasi 40 microreti ABB ora installate in tutto il mondo.



“Qui nel Golfo dell'Alaska dobbiamo contare su noi stessi, quindi occuparci di molte cose da soli,” dichiara Darron Scott, presidente della Kodiak Electric Association, una cooperativa energetica che utilizza la tecnologia delle microreti di ABB per sfruttare e gestire l'energia, il 99 per cento della quale proviene ora dal vento e da altre fonti rinnovabili. La cooperativa fornisce energia a Kodiak, un'isola con una popolazione di quasi 14.000 abitanti e un'industria che include pesca, attività forestale e mineraria.

Che cosa è una microrete? Essenzialmente una rete elettrica su piccola scala, o un sistema elettrico locale autonomo in grado di funzionare efficacemente indipendentemente dal collegamento a una rete centrale. Le microreti, che spesso incorporano sia risorse energetiche rinnovabili locali, quali l’eolica e la solare, unitamente a sistemi di accumulo basati su batterie, possono aiutare una comunità a ridurre o eliminare il ricorso a generatori diesel o altre fonti a combustibile fossile.

Poiché le microreti normalmente sono situate dove l’energia viene utilizzata o nei suoi pressi, sono intrinsecamente efficienti. E poiché i componenti di una microrete – fra cui tecnologie di automazione, batterie, convertitori e sistemi di controllo – sono facilmente trasportabili con un container, possono essere standardizzati, pre-collaudati e installati rapidamente.

Le tecnologie ABB di gestione dell'energia svolgono la funzione vitale di coordinare, integrare e stabilizzare l'energia prodotta da fonti diverse e di guidare lo scambio tra le fonti, come quando il sole tramonta su un sistema di pannelli solari e la rete si commuta senza soluzione di continuità alle batterie di accumulo. Così, senza fare distinzione tra la provenienza dell'energia da vento, sole, acqua o generatori diesel d'emergenza, le microreti ABB possono garantire un flusso stabile e affidabile di elettricità a ogni ora del giorno e in qualsiasi stagione.

Con queste capacità, le microreti contribuiscono a integrare l'energia rinnovabile nella fornitura d'energia globale proprio quando il mondo si preoccupa sempre più dell'impatto ambientale dei combustibili fossili. Si tratta di una considerazione importante per il mondo, perché le comunità e le attività commerciali ricercano alternative affidabili e sostenibili alle fonti d'energia che emettono anidride carbonica. Si tratta di una considerazione ancora più cruciale nei paesi dei mercati emergenti, la cui crescente domanda di energia affidabile impatterà sull’ambiente se non adotteranno soluzioni energetiche pulite.



L'esperienza di ABB in Kenya mostra quale sia il ruolo vitale che le microreti possono svolgere nei mercati emergenti, sia in un villaggio remoto che in un ambiente urbano.

A Marsabit, ventosa cittadina di 5.000 abitanti situata in un'oasi nel nord del Kenya priva di allacciamento alla rete nazionale, ABB ha creato una microrete che integra l'energia di due turbine eoliche con l'energia di back-up di un generatore diesel.

A Nairobi il problema era diverso. Qui la città è servita da una rete centrale che però è funestata da frequenti interruzioni di corrente. Ecco perché il Comitato Internazionale della Croce Rossa si è rivolto ad ABB affinché fornisse una microrete per alimentare il centro logistico globale della Croce Rossa di Nairobi. Il centro dà lavoro a 170 persone e consegna cibo, medicine e aiuti a tutto il continente africano. Il sistema ABB integra energia solare e diesel per garantire una fornitura costante di energia.

“L'affidabilità dell'energia è essenziale affinché il nostro staff possa continuare a svolgere ininterrottamente sul campo il suo lavoro finalizzato a salvare vite umane” ha dichiarato Peter Mauer, presidente dell'ICRC.

Il CEO di ABB, Ulrich Spiesshofer, ritiene che le microreti possano svolgere un ruolo vitale nella modernizzazione sostenibile.

“Le microreti hanno un potenziale enorme in Africa, dove oltre 600 milioni di persone vivono senza accesso all'elettricità. Questo vale anche per molte altre parti del mondo, come per il subcontinente indiano o per molte comunità remote o isolane", ha aggiunto Spiesshofer. "L'accesso affidabile all'elettricità è essenziale per accelerare lo sviluppo economico".



Seguici su:


Seguici su TwitterCollegati a FacebookAbbonati a YouTubeSeguici su Google PlusGet LinkedIn

ABB Italia



Follow us on TwitterGet LinkedInConnect on FacebookSubscribe on YouTube

Gruppo ABB


      • Twitter
      • Facebook
      • LinkedIn
      • Weibo
      • Stampa
      • Email
    seitp202 8b4f469f32661f60c12581c300220f57