La Francia accoglie l'e-mobility con l'aiuto di ABB

2018-04-27 - Le gare ABB FIA Formula E Championship arriveranno a Parigi questo fine settimana, tappa annuale del circuito in un Paese, come tutti gli altri in Europa, impegnato nell'adozione del trasporto elettrico sostenibile. E mentre la Francia spinge per l'e-mobility, ABB è un partner attivo in tutti gli aspetti principali di questo sforzo.

Indipendentemente dal fatto che si tratti dello sviluppo delle energie rinnovabili in Francia, dell'elettrificazione dei trasporti di massa, della creazione di un'infrastruttura per veicoli elettrici o dell'uso della tecnologia digitale per gestire in modo efficiente la rete elettrica, ABB è coinvolta integralmente in ogni fase di questo processo.

La Francia, sede degli accordi internazionali di Parigi del 2015 sulla lotta al cambiamento climatico, è impegnata a raggiungere un obiettivo nazionale: ridurre le emissioni di biossido di carbonio del 40 per cento entro il 2030. Per fare ciò significa ridurre significativamente le emissioni dei mezzi di trasporto. I veicoli alimentati a combustibili fossili producono attualmente il 28% delle emissioni di CO2 in Francia e contribuiscono in modo significativo a produrre altri gas e particolati che mettono in pericolo la salute.

"Il fatto che tali accordi siano stati firmati a Parigi significa che noi, ancor più delle altre città, dobbiamo rispettarli e dare l'esempio", ha dichiarato Jean-Louis Missika, vice sindaco di Parigi. ''Quindi per noi la mobilità elettrica è un obiettivo a medio termine, non a lungo termine, e stiamo riversando tutte le nostre risorse per raggiungere questo obiettivo”.

L'amministrazione del presidente francese, Emmanuel Macron, ha stanziato 15 miliardi di euro (circa 18,55 miliardi di dollari) per la transizione energetica della nazione. Il piano prevede il raddoppio della capacità di generazione di energia solare ed eolica della Francia entro il 2023. ABB è un fattore chiave per questa rivoluzione energetica.

"Da oltre 130 anni ABB è partner delle industrie nel settore dell'energia e dei trasporti in Francia", ha dichiarato Frank Duggan, Presidente di ABB Europe. "Siamo orgogliosi di avere un ruolo importante nelle iniziative del 21° secolo nel Paese per ciò che concerne l’energia pulita e l’e-mobility".



Estendere la rete

Ad esempio, in un progetto attualmente in corso da parte della società di trasmissione elettrica francese RTE, ABB sta fornendo nove trasformatori di tipo buster da 400 megavolt per contribuire a regolare la tensione di quattro giganteschi parchi eolici in costruzione al largo delle coste atlantiche.

ABB sta inoltre collaborando con RTE e l'utility britannica National Grid per collegare i mercati elettrici dei due paesi attraverso un collegamento in corrente continua ad alta tensione (HVDC). Quando il progetto sarà consegnato nel 2020, il sistema da 1000 megawatt collegherà Chilling, Hampshire, sulla costa meridionale dell'Inghilterra, a Tourbe, nel nord della Francia, coprendo una distanza di 240 chilometri attraverso il Canale della Manica - o La Manche, come preferiscono chiamare i francesi quel tratto di mare.

Le stazioni di conversione ABB su entrambe le estremità del cavo sottomarino trasformano la corrente alternata (CA) in corrente continua (CC), che è la soluzione tecnica preferita per la trasmissione di elettricità su lunghe distanze con perdite minime. Le stazioni riconvertiranno l'elettricità in corrente alternata per l’immissione nelle reti elettriche. La tecnologia ABB HVDC Light® regola le fluttuazioni della rete e supporta il ripristino dell'alimentazione in caso di interruzione.

Il sistema HVDC è progettato per migliorare la sicurezza, l'accessibilità e la sostenibilità delle forniture energetiche in entrambi i Paesi e agevolare l'integrazione dell'energia rinnovabile nelle reti elettriche di Francia e Gran Bretagna.

Sistemi di trasporto più puliti

L'energia rinnovabile sarà elemento cruciale nello lo sforzo che la Francia sta facendo di elettrificare in modo pulito ed efficiente i sistemi di trasporto della nazione. Non che il trasporto elettrico sia una novità in Francia. Dopotutto, questo è il paese conosciuto per i suoi treni elettrici ad alta velocità - il TGV - che ha stabilito un record di velocità di 525 chilometri all'ora (più di 325 m.p.h) nel 2007 grazie all’innovativo trasformatore di trazione leggero ABB.

ABB continua a essere uno dei principali fornitori di sistemi di alimentazione elettrica dei treni in Francia, inclusa la fornitura di trasformatori e motori di trazione alla fabbrica di Bombardier Transport nella città di Crespin, nel nord della Francia, vicino al confine con il Belgio. I treni saranno utilizzati sul sistema RER in Ile de France, la regione che comprende Parigi. ABB fornisce inoltre i trasformatori di trazione per i treni regionali TER della compagnia ferroviaria nazionale SNCF nei dintorni di Parigi.

L'innovazione portata da ABB nell’e-mobility è ben rappresentata anche dalla nuova rete di bus elettrici in fase di implementazione nella città francese di Nantes. Gli autobus saranno alimentati dall'innovativa tecnologia ABB di ricarica ultrarapida.



Con questa tecnologia, la stazione di ricarica alla fermata dell'autobus consente di ricaricare le batterie del veicolo in 20 secondi: meno del tempo impiegato dai passeggeri per scendere e salire a bordo del bus. Un pantografo si collega automaticamente al terminale di carica in cima al bus e fornisce 600 kilowatt di energia. Le batterie e i trasformatori ABB di bordo, consentono al sistema di prepararsi per ogni carica flash senza causare un'imprevista sovratensione sulla rete elettrica locale.

Gli autobus elettrici a batteria non hanno bisogno di cavi aerei o di binari e rendono quindi i loro percorsi molto più flessibili rispetto alle forme di trasporto elettrico più datate. Inoltre la ricarica ultrarapida consente agli “e-bus” di effettuare i loro percorsi senza interruzioni o con la necessità di lunghe sessioni di ricarica durante la notte. Una volta raggiunto il terminal degli autobus alla fine della giornata, i sistemi di ricarica ABB ricaricano completamente le batterie.

Ma la ricarica flash non è l'unico tipo di tecnologia per bus elettrico offerta da ABB, leader mondiale nei sistemi di ricarica per trasporto elettrico. ABB offre una vasta gamma di opzioni di ricarica per gli autobus, in base alle esigenze e ai vincoli dei gestori delle flotte, che include OppCharging, simile nel concetto della tecnica di ricarica ultrarapida, ma che si effettua solo presso il terminal degli autobus in sessioni che variano da tre a sei minuti, tramite un pantografo posto sul tetto dei bus.

Altre soluzioni ben collaudate includono una stazione di ricarica intelligente ABB che, con un impatto minimo sulla rete elettrica, durante la notte può ricaricare automaticamente e in sequenza le batterie di tre diversi autobus. Un caricabatterie sequenziale ABB da 150 kilowatt di questo tipo è stato adottato per gli autobus elettrici a La Rochelle, una città costiera nel sud-ovest della Francia.

Per i consumatori la conferma è nell’e-car

Il ritorno della Formula E che si disputerà a Parigi questo fine settimana servirà come importante promemoria affinché il pubblico possa davvero abbracciare l'e-mobility. Questi veicoli elettrici devono essere attraenti e funzionanti come le auto a combustione interna che devono andare a sostituire.

Il governo francese sta contribuendo a stimolare l'adozione di auto elettriche entro il 2020 bandendo le auto più inquinanti, cioè le auto a combustibili fossili prodotte prima del 2001. Entro il 2040, la Francia mira a porre fine alla vendita di auto a benzina e diesel.

“Crediamo che dobbiamo convincere gli abitanti di Parigi e della regione circostante a rinunciare sempre più ai veicoli più inquinanti a favore di alternative pulite o meno inquinanti", ha detto Missika. ''Risulteremo così coerenti con la totalità delle nostre politiche in materia.”

Come dimostrano in modo così lampante le corse di Formula E, le auto elettriche possono essere macchine eccitanti e ad alte prestazioni. Ma l'adozione di massa di auto elettriche richiederà un'infrastruttura pubblica che sia tanto comoda e onnipresente quanto le stazioni di rifornimento di benzina che servono le auto a combustibili fossili. In caso contrario "l'ansia da ricarica”, la paura degli utenti di non essere in grado di ricaricare le batterie durante un viaggio, sarà un deterrente per la scelta dei veicoli elettrici.



In ogni caso, praticità e ubiquità stanno rapidamente diventando una realtà, in particolare in Francia, grazie in gran parte alle stazioni di ricarica fornite da ABB. La colonnina di ricarica Terra HP in formato corrente continua, top di gamma ABB, può operare fino a 350 kilowatt e garantisce circa 300 chilometri (oltre 185 miglia) di autonomia a un veicolo elettrico, in non molto più tempo rispetto al tempo necessario per rifornire un veicolo con motore a benzina.

Con oltre 6.500 stazioni di ricarica rapida in corrente continua installate in 60 paesi, ABB è leader mondiale nella tecnologia di ricarica rapida.

In Francia sono state realizzate da ABB reti di stazioni di ricarica rapida. I concessionari Audi e Volkswagen, ad esempio, ne hanno installate più di cinque dozzine in tutto il Paese per la comodità degli acquirenti dei veicoli elettrici di queste case automobilistiche. E un gruppo guidato da Volkswagen, Audi, BMW insieme al rivenditore Lidl, sta creando una rete nazionale di stazioni di ricarica che include le colonnine di ricarica Terra HP di ABB.

In Corsica, isola francese nel Mediterraneo, le stazioni di ricarica ABB Terra a energia solare sono invece state installate da Driveco, una consociata di Corsica Sole, fornitore dell’energia elettrica prodotta dall'energia solare sull'isola.

Ovunque siano installate, le stazioni di ricarica per veicoli elettrici di ABB possono essere completamente collegate in rete tramite la piattaforma digitale ABB Ability™. Gli operatori di rete, da una postazione centrale, possono monitorare, amministrare e aggiornare le colonnine di ricarica da remoto; fornire sistemi di pagamento ai clienti; e calibrare continuamente le stazioni per lavorare in modo più efficiente con la rete locale o con un alimentatore a energia rinnovabile.

Infatti, la garanzia che la mobilità elettrica evolva in maniera coordinata con gli operatori di rete è un punto chiave per il futuro energetico, non solo in Francia, ma ovunque il trasporto sostenibile sia un obiettivo per il bene pubblico.

A questo proposito, l'esperienza di ABB nella gestione della distribuzione di energia e nelle attività di gestione digitale delle reti, conferisce al Gruppo un ruolo cruciale nella rivoluzione della mobilità elettrica.

"La Francia è impegnata a promuovere la mobilità elettrica nella lotta contro il cambiamento climatico e a creare un futuro più efficiente dal punto di vista energetico", ha affermato Duggan. "ABB è impegnata a sostenere la Francia in questa missione."



Seguici su:


Seguici su TwitterCollegati a FacebookAbbonati a YouTubeGet LinkedIn

ABB Italia



Follow us on TwitterGet LinkedInConnect on FacebookSubscribe on YouTube

Gruppo ABB


      • Twitter
      • Facebook
      • LinkedIn
      • Weibo
      • Stampa
      • Email
    seitp202 bdd2ed47bcd3fcc1c125827c005a954d