E ora tutti possono volare!

2018-06-27 - Intervista a Sandro Andreotti, Amministratore Delegato di Aero Gravity Italia.

A cura di: Servizi Editoriali, ABB Italia

Il volo indoor è ormai una disciplina riconosciuta dalla Federazione Aeronautica Internazionale, con regolamenti ufficiali per gare e record. Per il simulatore di caduta libera più grande al mondo, Aero Gravity ha puntato sulla tecnologia ABB, che per l’amministratore delegato Sandro Andreotti è sinonimo di affidabilità e sicurezza fin da quando vedeva le tre lettere rosse nell’azienda metalmeccanica del padre.

Sandro Andreotti, AD di Aero Gravity
«Aero Gravity è la più grande galleria del vento verticale al mondo, un cilindro dal diametro di 5,20 metri e un’altezza totale di 24, otto dei quali in cristallo per poter seguire le evoluzioni di paracadutisti di ogni genere, dal militare di professione al bambino di 4 anni, al diversamente abile. E quando devi far provare l’ebbrezza del volo a 55 mila persone ogni anno, non c’è spazio per guasti o altri inconvenienti». Come racconta Andreotti, il volo indoor è ormai una disciplina riconosciuta dalla Federazione Aeronautica Internazionale (FAI), con regolamenti ufficiali per gare e record. Ma, soprattutto, questi enormi simulatori consentono di offrire attività di addestramento ed esperienze adrenaliniche di puro divertimento a costi nettamente inferiori rispetto al classico lancio dall’aereo. Dalla prima galleria aperta al pubblico a Orlando negli Stati Uniti si è così giunti a circa 150 strutture in tutto il mondo, fra le quali Aero Gravity: è la più grande e l’unica in Italia e sorge nelle immediate vicinanze della Fiera di Milano, sede di Rho-Pero.

La sede di Aero Gravity Italia, nei pressi della Fiera di Milano, sede di Rho-Pero

Come nasce il progetto?

«Alla base c’è la passione mia e di un gruppo di amici, maturata durante il servizio militare negli alpini paracadutisti e in vent’anni di lavoro nel settore, nei quali ho accumulato 9.500 lanci e 1.200 ore di volo come pilota. Per trasformare questa passione in una professione abbiamo cercato un finanziatore e contattato i quattro produttori mondiali di Vertical Wind Tunnel, cioè gallerie del vento verticali che consentono di simulare il volo in caduta libera grazie al flusso d’aria generato, nel nostro impianto, da sei turbine elettriche da 400 kW, controllate da un operatore specializzato. Aero Gravity offre esperienze della durata complessiva di un’ora e mezza, con un pacchetto base di due minuti di volo suddivisi in due lezioni da un minuto ciascuna. Ciascun cliente vola da solo, affiancato da un istruttore, ma il simulatore può accogliere fino a 18 paracadutisti esperti, come nel caso dei Reparti Speciali di Esercito, Marina e Aeronautica».

In base a quali criteri avete scelto i fornitori?

Da sinistra, Alessandro Pueroni, Responsabile della Divisione RM in Italia, Sandro Andreotti e Andrea Falcone, Local Drives Service Manager
«Fra i quattro costruttori attivi sul mercato, ci siamo affidati alla società ceca Strojírna Litvínov essenzialmente perché tutta la componentistica a bordo macchina è fornita da ABB. Io nasco in una famiglia di imprenditori del settore metalmeccanico, mio padre costruiva impianti per l’industria siderurgica e io stesso ho studiato disegno meccanico. Le tre lettere rosse del marchio ABB mi accompagnano dall’adolescenza, le ho sempre viste su tutta la componentistica degli impianti costruiti da mio padre: motori, inverter, encoder… Da quando avevo 12 anni, per me ABB è garanzia di sicurezza e affidabilità, fondamentali su questa tipologia di impianti».

Come funziona l’impianto?

«Il simulatore è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 23, il lunedì dalle 14 alle 23. In questo arco di tempo, l’operatore adatta continuamente la velocità del flusso d’aria agendo manualmente sul potenziometro che regola gli azionamenti ACS 800 dei motori asincroni trifase ABB M3BP 400LA montati sulle sei turbine elettriche. Ogni secondo vengono apportate correzioni della velocità in un range che va da 120 a 370 km/h, sottoponendo il drive a livelli di stress elevatissimi. In questo contesto sono due gli aspetti chiave: continuità di servizio e sicurezza, senza dimenticare il comfort dell’utilizzatore legato alla potenza del vento e al calore. Una volta riscontrato l’enorme successo del simulatore, con una media vicina ai 200 utenti al giorno, ci siamo messi subito al lavoro per definire un piano di monitoraggio e manutenzione di drive e motori con l’obiettivo di prevenire guasti e fermi che provocherebbero disagio alla nostra clientela, che prenota le esperienze con largo anticipo e in molti casi arriva da lontano, sobbarcandosi anche costi di viaggio e alloggio».

L'incontro con la stampa



Quale servizio offre ABB per i prodotti installati?

«Abbiamo sottoscritto un contratto di manutenzione e assistenza articolato in due parti. Da un lato abbiamo uno stock di parti di ricambio sempre pronte in casa, che ci garantiscono un impatto minimo sull’operatività in caso di guasti. Dall’altro, abbiamo attivato il servizio ABB Ability Remote Condition Monitoring Service for Drives per monitorare continuamente lo stato degli azionamenti. Finora tutto ha funzionato perfettamente e non abbiamo registrato guasti importanti. Grazie a questo servizio abbiamo avuto modo di raccogliere riscontri preziosi nell’utilizzo quotidiano e apportare azioni correttive, con benefici in termini sia di maggiore durata nel tempo, sia di riduzione dello stress termico sulle apparecchiature, sia di temperature confortevoli per l’utenza. In particolare, la galleria utilizza un circuito a ricircolo l’aria dove il flusso supererebbe facilmente i 40 °C in mancanza di condizionamento. L’aria viene quindi prelevata, raffreddata e reimmessa a una temperatura di circa 27-28 °C, utilizzando inverter ABB anche nell’impianto di condizionamento».


ABB ITALIA PER AERO GRAVITY - Dal drive al cloud

Nell’applicazione in Aero Gravity, ABB ha installato un gateway NETA-21 che raccoglie i dati delle condizioni operative con un monitoraggio continuo e li trasmette al cloud ABB per lo stoccaggio e l’analisi. Il server ABB, tramite il software ABB Ability™ Remote Condition Monitoring Service for Drives, analizza tutti i dati e li rende disponibili in forma grafica su una pagina web. Il cliente, accedendo con il proprio account riservato, visualizza un grafico che notifica con i colori del “semaforo” lo stato dei Drives.
Il gateway NETA-21

L’operatore può configurare avvisi e notifiche via e-mail in base alle proprie esigenze e alla conoscenza dell’applicazione, per essere informato su potenziali rischi o deterioramenti, da temperature anomale a funzionamenti non corretti, che vengono inoltre rappresentati graficamente.
«Grazie a questi alert, il cliente può valutare la rilevanza e l’origine del problema e decidere se contattare l’assistenza ABB» spiega Erwin Sichi, Service Sales Specialist, Value Added Services.
«In caso di richiesta di intervento, i tecnici ABB dispongono di strumenti avanzati “cloud Based” di diagnosi ed analisi di guasti ed eventi.
I Sales Specialist possono analizzare da remoto i singoli guardi e gli interventi necessari
Per i drive, il cliente ha un contratto quinquennale Drive Care per attività di manutenzione preventiva e intervento in caso di guasto» aggiunge Tiziano Buscema, Area Sales Manager, «che prevede un servizio di pronto intervento entro 24 ore e la fornitura di tutte le parti di ricambio in caso di guasto. A questo è stato aggiunto il noleggio di parti di ricambio stoccate presso il cliente per sostituzioni immediate. Attraverso il contratto Drive Care Completo, ABB si prende cura dei drives installati mantenendo il livello di efficienza ed affidabilità richiesto».




mondoABB

Il magazine istituzionale di ABB in Italia nasce nel 1999 e da sempre si avvale di un team di Comunicatori di Funzione e di Divisione impegnati affinché i suoi contenuti siano motivo di interesse per i nostri interlocutori esterni - oltre cinquemila contatti tra istituzioni, principali clienti, fornitori, giornalisti, associazioni e mondo accademico - e di orgoglio per i dipendenti di ABB Italia.

ABB Italia è un quadrimestrale, se desideri ricevere mondoABB puoi compilare il modulo online oppure inviarci i tuoi dati @IT-info@abb.com.


Diventa nostro fan!

Seguici su TwitterCollegati a FacebookAbbonati a YouTubeGet LinkedIn

ABB Italia



Follow us on TwitterGet LinkedInConnect on FacebookSubscribe on YouTube

Gruppo ABB

      • Twitter
      • Facebook
      • LinkedIn
      • Weibo
      • Stampa
      • Email
    seitp202 dd5a59de05c45979c12582b900483e54